Filtra le news
Foto
Tabella
Autolink News
23/4/2012
ID 82669Atk
pag 15796

Ferrari boom in Cina, suo secondo mercato mondiale

Pechino, 23 - Gran folla di visitatori nello stand Ferrari del Salone di Pechino per ammirare da vicino l’anteprima asiatica della nuova F12berlinetta, capostipite della nuova generazione delle 12 cilindri di Maranello. Il Cavallino Rampante ha presentato invece per la prima volta in assoluto l’evoluzione della vettura laboratorio Hy-Kers con layout posteriore centrale. Il gruppo motoristico mostra un 12 cilindri e un cambio F1 doppia frizione al quale è associato un propulsore elettrico, mentre un altro è dedicato ai sistemi ausiliari ed è collocato anteriormente al motore termico. Lo studio è ormai alla fine della fase di sperimentazione ed è pronto a passare a quella di sviluppo (avverrà nei prossimi mesi) con l’obiettivo di ridurre del 40% le emissioni di CO2 nel ciclo combinato.

Alla rassegna pechinese Ferrari è rappresentata dall’A.D., Amedeo Felisa, che ha ricordato la crescente importanza della Cina per la Casa. “Lo scorso anno, nella mainland China abbiamo venduto 500 vetture con una crescita del 75% rispetto al mercato di riferimento, salito del 65%. La Greater China è diventata il secondo mercato mondiale per Ferrari. Quest’anno festeggeremo il 20° anniversario della prima vettura venduta a Pechino e a maggio apriremo una grande mostra permanente dedicata alla Ferrari a Shanghai, presso l’Italia Center dello Shanghai World Expo Park. Presenteremo una serie speciale della 458 Italia con una livrea contraddistinta dal caratteristico elemento cinese del longma, il leggendario dragone-cavallo, che simboleggia la cultura cinese e la Ferrari”.

Ultime 10 news suFerrari
2014-10-09Montezemolo omaggia le donne e gli uomini della Ferrari Maranello, 9 - Luca di Montezemolo ha salutato e ringraziato i dipendenti della Gestione Industr... Maranello, 9 - Luca di Montezemolo ha salutato e ringraziato i dipendenti della Gestione Industriale Ferrari con un discorso lungamente applaudito. Emozionato e commosso, il Presidente lascerà Maranello il 13 ottobre (dopo 23 anni) per lasciare spazio a Sergio Marchionne. Dopo aver già parlato alla Gestione Sportiva prima che il team partisse per i Gran Premi di F1 in Giappone e Russia, Montezemolo ha voluto incontrare le donne e gli uomini che nei suoi 23 anni di gestione lo hanno aiutato a consolidare l’immagine del marchio auto più prestigioso al mondo. Di fronte alle 2.000 persone affollate nella tensostruttura interna alla fabbrica, e dopo gli interventi introduttivi del vice Presidente e dell’Amministratore Delegato, rispettivamente Piero Ferrari e Amedeo Felisa, il numero uno della Ferrari è salito sul palco sulle note della canzone di Gino Paoli “Una lunga storia d’amore”.   “Siete voi la forza di questa azienda, che è la più bella del mondo. Siete voi i veri artefici dei suoi trionfi, siete voi la Ferrari. Sono orgoglioso di aver vissuto con voi questi anni meravigliosi e sono certo che il futuro della Ferrari, che non produce vetture ma sogni, resterà luminoso perché qui ci siete tutti voi”. Montezemolo ha ricordato i successi in Formula 1 (dove la Ferrari resta la scuderia più vincente) e delle vetture GT in tutto il mondo e ha poi avuto un pensiero affettuoso per Michael Schumacher e Jules Bianchi. Al termine del suo discorso, sono saliti sul palco rappresentanti delle donne e degli uomini Ferrari per un abbraccio simbolico a ricordare una lunga storia d’amore.
2014-10-03Montezemolo: orgoglioso di quanto fatto in Ferrari Parigi, 3 - Un Luca di Montezemolo emozionato, ma tutto sommato sereno, si è presentato a Parigi... Parigi, 3 - Un Luca di Montezemolo emozionato, ma tutto sommato sereno, si è presentato a Parigi (da lui definito il Salone dello stile per eccellenza) per l’ultima passerella da numero uno della Ferrari, volante che lascerà a Sergio Marchionne dal prossimo 13 ottobre. “La vita riserva sempre delle sorprese, l’importante è guardare avanti. Sono orgoglioso di quanto fatto e di sapere che Ferrari è molto importante per la quotazione in Borsa del nuovo Gruppo Fiat/Chrysler”. Preoccupato per la situazione esplosiva a Hong Kong (la Cina è un mercato chiave per il Cavallino), Montezemolo ha anticipato l’imminente sviluppo di una nuova versione della 458 e ha confermato che, alla vigilia del 60° anniversario della Casa in America, sarà presentata negli States una vettura one-off disponibile in 10 esemplari a 2,5 milioni di Euro ciascuno (peraltro già tutti venduti). Un cenno sulle previsioni di vendita che quest’anno dovrebbero crescere del 5% a poco più di 7.200 unità, mentre l’utile operativo è aumentato a 400 milioni di Euro.Montezemolo ha poi affrontato il tema Formula 1, circus che rischia di perdere due-tre team implicando la discesa in campo di tre monoposto per scuderia. “Alonso è per me il miglior pilota, soprattutto in gara. In questi anni ha dato tutto, l’importante è trovare la migliore soluzione per lui e per la Ferrari e in ogni caso lo ringrazio”.
2014-09-26458 Speciale A: la più performante spider Ferrari di sempre Maranello, 26 - Ferrari ha tolto i veli alla 458 Speciale A, serie limitata a 499 esemplari per ... Maranello, 26 - Ferrari ha tolto i veli alla 458 Speciale A, serie limitata a 499 esemplari per celebrare il successo della 458 nelle sue diverse declinazioni, dai numerosi premi internazionali alle vittorie in pista, tra cui il doppio titolo Mondiale Endurance e i trionfi di categoria alle 24 Ore di Le Mans e Daytona e alla 12 Ore di Sebring. Dedicata ai clienti collezionisti, sarà tra le star del Salone di Parigi. La 458 Speciale A (dove A sta per Aperta) è la spider più performante nella storia del Cavallino Rampante grazie al V8 stradale aspirato più potente di sempre per la Casa di Maranello, un motore di 4,5 litri da 605 CV a 9.000 giri (135 CV/litro la potenza specifica) e 540 Nm di coppia a 6.000 giri che ha già conquistato per tre volte il titolo di Best Performance Engine, riconoscimenti ricordati nella specifica targa dedicata in abitacolo. Le prestazioni sono ovviamente eccezionali come dimostrano sia il tempo di 1 minuto 23 secondi e 5 decimi strappato sul circuito di Fiorano sia l’accelerazione da 0 a 100 km/h in appena 3 secondi (9,5 secondi sullo 0-200 orari), a fronte di emissioni di CO2 contenute (stiamo parlando di una Ferrari) a 275 g/km. Un importante contributo al raggiungimento di queste prestazioni lo hanno dato anche l’aerodinamica attiva anteriore e posteriore, la rigidezza del telaio in 10 leghe di alluminio e il controllo elettronico dell’angolo di assetto (SSC) che esalta la massima sportività e l’inconfondibile e coinvolgente sound Ferrari.  La 458 Speciale A dispone di un tetto rigido ripiegabile in alluminio che impiega solo 14 secondi per chiudersi e aprirsi e che ha consentito di limitare a 50 kg la differenza di peso rispetto alla Speciale coupé. Una serie di soluzioni innovative e originali ha permesso di ottenere la migliore efficienza aerodinamica di sempre per una spider targata Ferrari. La vettura è presentata in livrea gialla triplo strato con banda centrale blu Nart e bianco Avus e con cerchi forgiati a cinque razze in grigio corsa. Gli interni sono fortemente ispirati alle competizioni e si caratterizzano per l’impiego di materiali nobili e leggeri, come per le finiture plancia, i pannelli porta e il tunnel centrale in un esclusivo carbonio blu. Da segnalare anche i sedili dal nuovo stile in Alcantara con cuciture in contrasto e tessuto tridimensionale.
Ultime 10 news suAuto
2014-10-222.000 espositori e 13 Case ad Auto e Moto d’Epoca di Padova Padova, 22 - Oltre 10 mila biglietti venduti in prevendita (il primo è stato “staccato” in Austr... Padova, 22 - Oltre 10 mila biglietti venduti in prevendita (il primo è stato “staccato” in Australia), 2.000 espositori, 13 grandi Case presenti e 4.000 vetture in vendita. Sono i numeri record della 31esima edizione del Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova, in programma da domani a domenica. Ovviamente molto soddisfatto l’organizzatore Ma­rio Carlo Baccaglini, secondo il quale a rendere differente la sua rassegna dalle al­tre è l’emozione, sentimento che coinvolgerà i tanti appassionati che af­folleranno la fiera patavina (da battere il record di afflusso del 2013 con 74 mila persone). L’evento vedrà in prima fila tre modelli della SK Collection mai vi­sti prima in Italia (Mercedes 380 specialroadster Erdmann&Rossi del 1933, Horch 853 Manuela del 1937 e Rolls-Royce Wright del 1939), l’Alfa Ro­meo Za­gato/Aprile del 1931 e sei mulotipi Ferrari fino ad oggi esposti soltanto al Museo Ferrari. Vediamo ora nel dettaglio cosa offriranno le 13 Case che parteciperanno alla manifestazione. Abarth - due ge­ne­razioni a confronto, la 695 sto­rica e la biposto moderna. Alfa Ro­meo - fe­steggia il 60° anniversario del­la Giu­lietta con una Sprint del 1954 esposta accanto alla P2 del 1925 e alla 8C Le Mans del 1931. Aston Martin - pri­ma volta al Salone, presenta una DB4 Superleggera del 1960 della famiglia Sa­­voia e la Work car LM 7 che ha esordito a Le Mans 1931. Audi - presente con lo Sport Club Italia a celebrare i 30 anni della vittoria piloti e costruttori nel Mon­diale Rally del 1984 con la Sport quattro Rally. BMW - in mostra le ultime novità di prodotto Serie 2 Coupé e la plug-in i8. Maserati - co­me detto ieri festeggia il 100° compleanno. Mercedes - brinda ai 40 anni della divisione italiana. Peugeot - ri­percorre il mito trentennale della 205 Turbo 16 attraverso le speciali 205 T16 Stradale e 205 T16 Evoluzione 2. Por­sche - stand dedicato ai 40 anni della 911 Turbo. Toyota - celebra i 20 anni del SUV Rav4. Volkswagen - festeggia il 40° anniversario della Golf e i suoi oltre 30 milioni di esemplari venduti globalmente. Volvo - prima volta a Pa­do­va in occasione dei 20 anni di at­tività del Registro Italiano.
2014-10-22Nuova Corsa: più comfort e dinamismo con il 3 cilindri Francoforte, 22 - Reduce dall’anteprima mondiale al Salone di Parigi, la quinta ge­nerazione del... Francoforte, 22 - Reduce dall’anteprima mondiale al Salone di Parigi, la quinta ge­nerazione della Opel Corsa è pronta a rilanciare la sfida nel competitivo segmento B. Pro­dotta negli stabilimenti di Eisenach e di Saragozza, sarà commercializzata ad inizio 2015 con prezzi tra 12.100 e 18.600 Euro nelle configurazioni tre porte (per gli sportivi) e cinque porte (per le fa­miglie). Lunga poco più di quattro metri (2 cm in più del­­­la serie precedente rispetto alla quale vanta lo stesso pe­so), la nuova Corsa si caratterizza per un rapporto ottimale tra dimensioni interne e in­gombro esterno ed è ora più so­fisticata, più confortevole, più dinamica e più efficiente.Il telaio è simile alla precedente, ma tutti i componenti sono nuovi con un anteriore più rigido e inedite sospensioni e una barra antirollìo maggiorata e sospensioni ri­tarate al posteriore, mentre il baricentro è stato abbassato di cinque mm. Dispone inoltre di fari bi-xeno, cornering light e luci diurne a Led. Al­l’interno si apprezzano accessori come sedili e vo­lante ri­scaldabili e parabrezza Ther­matec per sbrinare più ve­lo­cemente. Numerosi i si­stemi di assistenza alla gui­da, tra cui molti inediti nel segmento B. In generale, il design è stato rinnovato seppur in mo­do conservativo. Le forme sono fluide e scolpite e i dettagli realizzati con precisione. All’anteriore si notano gli eleganti gruppi ottici ad ala, mentre la coda atletica è stata allargata. La gamma motoristica (già tutta Euro 6) rientra nell’ambito dell’offensiva an­nunciata dalla Ca­sa tedesca che prevede il lancio di 17 nuovi motori en­tro il 2018. Forte di un'esperienza nella progettazione di 3 cilindri che data dal 1997, l’offerta a benzina si articola in particolare sul 3 cilindri tur­bo 1.0 abbinato a un cam­bio manuale a sei rapporti preciso ed efficiente, declinato nelle po­tenze di 90 e 115 CV con il primo che con­suma so­lo 4,3 l/100 km. Una quarantina di componenti hanno consentito di ottimizzare l’acustica del 3 cilindri che è proposto come il più silenzioso della categoria. La di­spo­nibilità a benzina è completata dai 4 cilindri 1.2 da 70 CV e 1.4 da 90 CV as­sociati al­la trasmissione ma­­nuale a 5 marce (il 90 CV può montare il cambio Easy­tro­nic automatizzato che ri­duce i consumi del 4% rispetto al ma­nuale). Profond­a­men­te rivisti i diesel, con un 4 ci­lindri CDTI eco­­Flex di 1,3 li­tri da 75 e 95 CV. Il più po­tente limita i consumi a 3,3 l/100 km e contiene le emissioni a 87 g/km. Nel cor­­so del 2015 sarà lanciata anche la versione GPL Tech. Quat­tro gli allestimenti: base, N-Joy, B-Color e Cosmo.
2014-10-2212,4 milioni di Corsa vendute dal 1982 Francoforte, 22 - La Opel Corsa è una delle icone del panorama automobilistico europeo. La sua c... Francoforte, 22 - La Opel Corsa è una delle icone del panorama automobilistico europeo. La sua carriera è ormai ultratrentennale e ha conquistato fino ad oggi circa 12,4 milioni di clienti nelle quattro generazioni. La pri­ma ha inciso con 3,1 mi­lioni di unità, la seconda con 4 milioni, la terza con 2,5 milioni e la quarta con quasi 3 milioni. Corsa consente ad Opel di presidiare in modo ottimale la parte bassa del mercato, insieme a Karl e Adam del segmento A. Occupa at­tual­mente il quarto posto tra le utilitarie in Europa occidentale e il secondo in Germania e Gran Bretagna. Ogni anno rappresenta più di un quarto delle vendite di Opel.Corsa si è ritagliata nel tempo spazi significativi anche nel nostro Paese nel segmento B , il più importante con il 26% di quota del mercato. Come ricordato dal direttore mar­keting di Opel Italia, Ni­cola Be­nai, “circolano oggi circa 800 mila Corsa che è stata venduta in 230 mila esemplari nella prima generazione, 551 mila nella se­conda, 340 mila nella ter­za e 347 mila nella quarta. Il nostro rappresenta il terzo mercato per la vettura dopo Germania e Regno Unito” (dove è distribuita sotto l’egida Vauxhall). Corsa è il modello Opel più conosciuto in Italia ed è tra le tre auto più ricercate su Google. La clientela italiana opterà sopratttutto per la variante cinque porte (80% del mix contro il 20% della tre porte), mentre il nuovo 3 cilindri tur­bo raggiungerà il 20% del­le vendite complessive. La differenza di prezzo tra la tre e la cinque porte è di 750 Euro.
Ultime 10 news suSaloni
2014-10-222.000 espositori e 13 Case ad Auto e Moto d’Epoca di Padova Padova, 22 - Oltre 10 mila biglietti venduti in prevendita (il primo è stato “staccato” in Austr... Padova, 22 - Oltre 10 mila biglietti venduti in prevendita (il primo è stato “staccato” in Australia), 2.000 espositori, 13 grandi Case presenti e 4.000 vetture in vendita. Sono i numeri record della 31esima edizione del Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova, in programma da domani a domenica. Ovviamente molto soddisfatto l’organizzatore Ma­rio Carlo Baccaglini, secondo il quale a rendere differente la sua rassegna dalle al­tre è l’emozione, sentimento che coinvolgerà i tanti appassionati che af­folleranno la fiera patavina (da battere il record di afflusso del 2013 con 74 mila persone). L’evento vedrà in prima fila tre modelli della SK Collection mai vi­sti prima in Italia (Mercedes 380 specialroadster Erdmann&Rossi del 1933, Horch 853 Manuela del 1937 e Rolls-Royce Wright del 1939), l’Alfa Ro­meo Za­gato/Aprile del 1931 e sei mulotipi Ferrari fino ad oggi esposti soltanto al Museo Ferrari. Vediamo ora nel dettaglio cosa offriranno le 13 Case che parteciperanno alla manifestazione. Abarth - due ge­ne­razioni a confronto, la 695 sto­rica e la biposto moderna. Alfa Ro­meo - fe­steggia il 60° anniversario del­la Giu­lietta con una Sprint del 1954 esposta accanto alla P2 del 1925 e alla 8C Le Mans del 1931. Aston Martin - pri­ma volta al Salone, presenta una DB4 Superleggera del 1960 della famiglia Sa­­voia e la Work car LM 7 che ha esordito a Le Mans 1931. Audi - presente con lo Sport Club Italia a celebrare i 30 anni della vittoria piloti e costruttori nel Mon­diale Rally del 1984 con la Sport quattro Rally. BMW - in mostra le ultime novità di prodotto Serie 2 Coupé e la plug-in i8. Maserati - co­me detto ieri festeggia il 100° compleanno. Mercedes - brinda ai 40 anni della divisione italiana. Peugeot - ri­percorre il mito trentennale della 205 Turbo 16 attraverso le speciali 205 T16 Stradale e 205 T16 Evoluzione 2. Por­sche - stand dedicato ai 40 anni della 911 Turbo. Toyota - celebra i 20 anni del SUV Rav4. Volkswagen - festeggia il 40° anniversario della Golf e i suoi oltre 30 milioni di esemplari venduti globalmente. Volvo - prima volta a Pa­do­va in occasione dei 20 anni di at­tività del Registro Italiano.