Filtra le news
Foto
Tabella
Autolink News
ieri
ID 94542Atk
pag 18134
+

Chrysler rinnova la 300: più qualità e sicurezza

Los Angeles, 20 - Chrysler ha scelto il Los Angeles Auto Show per l’anteprima della rinnovata 300 che avrà il suo maggior sbocco commerciale proprio nel mercato americano. La vettura di successo, da cui è partita l’attuale Lancia Thema, non ha beneficiato di grandi modifiche esteticamente, anche se si notano una calandra più grande e una parte inferiore del frontale simile a quella della più piccola 200. A livello motoristico, la 300 dispone sempre del V6 3.6 Pentastar da 292 CV (che diventano 300 sulla variante S) anche a trazione integrale e del top di gamma V8 5.7 Hemi da 363 CV con trazione posteriore. Più qualità a bordo e più sicurezza con il cruise control adattivo.

mercoledì 12/11
ID 94408Atk
pag 18111

FCA rinnova accordo con il Politecnico di Torino

Torino, 12 - Il Presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, e il Rettore del Politecnico di Torino, Marco Gilli, hanno rinnovato l’accordo di collaborazione che era stato avviato nel 1999 e successivamente esteso nel 2010. L’intesa, prolungata fino al 2018,  coinvolge in particolare il Corso di Laurea di Ingegneria dell’Autoveicolo, ma anche alcune attività di ricerca di interesse comune. FCA investirà un totale di 7,4 milioni di Euro (1,85 milioni l’anno). “Il bilancio della nostra collaborazione è senz’altro positivo e per questo motivo l’abbiamo estesa fino al 2018”, ha commentato Elkann.

giovedì 6/11
ID 94320Atk
pag 18092

Ram e Jeep sostengono conti trimestrali Chrysler

Auburn Hills, 6 - L’andamento vendite in forte rialzo dei marchi Ram e Jeep negli States ha consentito al Gruppo Chrysler di archiviare il terzo trimestre con un utile netto in aumento del 32% a 611 milioni di dollari. Molto bene anche i ricavi, impennatisi del 18% a 20,66 miliardi di dollari, e i profitti operativi, cresciuti del 10% a 946 milioni con un margine del 4,6%. Nei primi nove mesi, il fatturato è passato da 50,9 a 60,1 miliardi di dollari, ok anche utile netto e profitti Ebit.

giovedì 6/11
ID 94310Atk
pag 18094

FCA leader nella lotta ai cambiamenti climatici

Torino, 6 - Fiat Chrysler Automobiles è ancora una volta tra i leader globali nell’ambito dell’impegno e dei risultati conseguiti nel contrastare i cambiamenti climatici (ed è il terzo anno consecutivo). Le performance di alto livello e la trasparenza nella comunicazione hanno dunque confermato il Gruppo ai vertici nel CDP Italy 100 Climate Disclosure Leadership Index e tra le migliori aziende nel Climate Performance Leadership Index 2014. Tra i principali risultati conseguiti da FCA nel 2013, la leadership in Europa per i veicoli a metano, la riduzione dell’impronta ecologica nelle fabbriche (-15,5% nelle emissioni di CO2 per veicolo prodotto) e il coinvolgimento di 127 business partner nell’iniziativa CDP Supply Chain. Il CDP Italy 100 Climate Change Report analizza le informazioni sull’impatto ambientale delle 100 principali aziende italiane quotate.

30/10
ID 94204Atk
pag 18073

Il calo locale minaccia l’offensiva FCA in Brasile

San Paolo, 30 - L’ambizioso obiettivo di Fiat Chrysler Automobiles di incrementare del 44% le vendite nel continente sudamericano nei prossimi cinque anni rischia di essere penalizzato dall’attuale andamento debole del mercato brasiliano. Fino a due anni fa, l’America Latina incideva per circa un terzo sul totale dei profitti della Casa, anche a causa della corrispondente crisi in Europa, ma il contributo è sceso al 17% lo scorso anno e ad appena l’1% nel primo semestre del 2014 a causa delle tasse elevate, degli alti costi produttivi e del rallentamento dell’economia brasiliana. Le immatricolazioni sudamericane di FCA hanno inciso per un quinto sul totale delle vendite mondiali del Gruppo nel 2013 e quest’anno la quota dovrebbe rimanere sostanzialmente invariata. In particolare, Fiat è da anni leader del mercato brasiliano sebbene con margini di vantaggio risicati sui Gruppi Volkswagen e General Motors. La quota locale si è erosa negli ultimi anni a causa della crescente competitività da parte degli altri costruttori.

29/10
ID 94189Atk
pag 18068

FCA: ricavi, Ebit e volumi in crescita nel terzo trimestre

Londra, 29 - Prima riunione del CdA della neonata Fiat Chrysler Automobiles nella sede londinese. Esaminati i conti relativi al terzo trimestre e ai primi nove mesi. Da luglio a settembre, FCA ha registrato un giro d’affari in crescita del 14% a 23,553 miliardi di Euro, un Ebit in aumento del 7% a 926 milioni (bene in tutti i mercati principali, ad eccezione dell’America Latina) e un indebitamento netto industriale da 11,4 miliardi in linea con l’andamento stagionale, mentre la liquidità disponibile è stabile a 21,7 miliardi di Euro. L’utile netto di 188 milioni è stato sostanzialmente simile a quello dello stesso periodo di un anno fa e i volumi di vendita mondiali sono cresciuti del 10% a circa 1,1 milioni di esemplari, trainati soprattutto dalle ottime performance nei mercati del Nafta.
“I risultati del Gruppo nel terzo trimestre - ha commentato l’Amministratore Delegato, Sergio Marchionne - dimostrano quella che è una solida performance in un contesto di mercato difficile, particolarmente in Sud America. Siamo in linea per conseguire gli obiettivi che ci siamo dati per l’intero esercizio 2014”.
Per quanto riguarda i primi nove mesi, FCA ha visto l’utile netto scendere da 655 a 212 milioni di Euro, i profitti operativi calare da 2,542 a 2,157 miliardi e i ricavi impennarsi da 62,681 a 69,006 miliardi di Euro, anche grazie alle immatricolazioni globali cresciute a 3,393 milioni di unità.
Il Gruppo conferma appieno i target originali per l’intero 2014. Stima dunque un utile netto tra 600 e 800 milioni di Euro, un Ebit tra 3,6 e 4 miliardi e un fatturato attorno a 93 miliardi. Le consegne a livello mondiale sono previste in aumento per un totale di circa 4,7 milioni di veicoli.

29/10
ID 94181Atk
pag 18069

FCA lancerà quattro nuovi modelli in Brasile entro il 2016

San Paolo, 29 - In occasione del Salone di San Paolo, il Presidente della divisione sudamericana di Fiat Chrysler Automobiles, Cledorvino Belini, ha annunciato il lancio di quattro nuovi modelli in Brasile entro il 2016 con l’obiettivo di consolidare la leadership locale dagli assalti dei Gruppi VW e GM. Prevista dunque la commercializzazione nel secondo semestre del 2015 di Jeep Renegade e di un pick-up medio e successivamente di un SUV compatto e dell’erede della Palio Fire.

29/10
ID 94164Atk
pag 18071

Chernoby nuovo capo qualità di FCA

Detroit, 29 - Mark Chernoby sarà il nuovo responsabile della qualità in seno a Fiat Chrysler Automobiles. Un annuncio non certo casuale considerando che arriva a solo un giorno da un report in base al quale FCA occupa le ultime posizioni nella classifica proprio sulla qualità dei prodotti. Ufficialmente, Doug Betts ha lasciato l’incarico per perseguire nuovi interessi professionali, ma è chiaro che paga il risultato negativo del report.

28/10
ID 94158Atk
pag 18064

FCA: domani il primo CdA a Londra

Torino, 28 - La nuova era del Lingotto non più italiano ma globale inizierà domani con la prima riunione del CdA di Fiat Chrysler Automobiles nella nuova sede londinese in St. James Street. Saranno esaminati i conti del terzo trimestre e dei primi nove mesi, ma c’è attesa soprattutto su eventuali nuove comunicazioni in merito al piano industriale di rilancio entro il 2018.

17/10
ID 93972Atk
pag 18038

Zileri nuovo Tesoriere di Fiat Chrysler

Londra, 17 - Da domenica scorsa le note ufficiali della neonata FCA arrivano dal quartier generale di Londra. L’ultima comunica la nomina di Ferrante Zileri a nuovo Tesoriere del Gruppo e quella di Andrea Faina a re­sponsabile dei servizi finanziari. Prendono il posto di An­tonio Picca Piccon e riporteranno al Chief Financial Of­ficer di FCA, Richard Pal­mer.

15/10
ID 93940Atk
pag 18028

FCA: Marchionne dà il via al roadshow

Milano, 15 - L’Ammini­stra­tore Delegato della neonata Fiat Chrysler Au­to­mobiles, Sergio Marchionne, sarà impegnato nelle prossime settimane in un roadshow per presentare la nuo­va società ai principali investitori americani dopo lo sbarco di FCA a Wall Street. Il Gruppo ha il 7,5% del capitale in azioni proprie (lo potrebbe vendere sul mercato), pacchetto il cui valore si aggira sui 630 milioni di Eu­ro stante l’attuale quotazione new­yor­che­se attorno ai 9 dollari. L’obiet­tivo di Marchionne, più in generale, è arrivare al Consiglio di Amministrazione che si terrà nella nuova sede londinese il 29 ottobre con idee più chiare su co­me e se rafforzare il patrimonio. Come riportato da MF, l’opzione più plausibile resta quella del convertendo, soluzione ipotizzata anche dallo stesso Marchionne.

14/10
ID 93921Atk
pag 18024

Debutto in chiaroscuro per la nuova FCA a Wall Street

New York, 14 - Nel giorno del suo storico sbarco a Wall Street la nuova Fiat Chrysler Automobiles ha iniziato bene, ma ha poi chiuso in flessione di quasi l’1% a 8,91 dollari per azione. La quotazione non è stata ritenuta soddisfacente dall’Amministratore Delegato, Sergio Marchionne, ma ci sarà tempo per migliorare. È stato in ogni caso un momento storico, come ricordato dal Presidente del Gruppo, John Elkann.
“A partire dalle fondamenta e dalle aspirazioni di Fiat e Chrysler - ha aggiunto Elkann - si apre oggi (ieri, ndr) una fase completamente nuova che ci consentirà di affrontare da protagonisti il futuro del settore automobilistico mondiale. È una grande sfida che siamo pronti a raccogliere con determinazione”.
“La quotazione a Wall Street - ha commentato a sua volta Marchionne (da ieri ufficialmente Presidente della Ferrari) - è il culmine del lavoro che abbiamo fatto negli ultimi cinque anni e mezzo per raggiungere un’unione straordinaria. La quotazione di FCA segna un traguardo importante, conquistato con tenacia. Eppure, come tante pietre miliari, non rappresenta solo la fine di qualcosa, ma è soprattutto un nuovo inizio. La giornata segna l’inizio del nostro viaggio come Fiat Chrysler Automobiles, come un unico costruttore globale”.

13/10
ID 93890Atk
pag 18020

Oggi il debutto di FCA a Wall Street e Piazza Affari

Milano, 13 - Ieri è nata Fiat Chrysler Automobiles (sede legale in Olanda) e oggi pomeriggio la nuova entità debutterà in contemporanea a Wall Street e a Piazza Affari. Il nuovo titolo FCA andrà in contrattazione continua a Piazza Affari a partire dalle 15:45 con l’asta di apertura nel quarto d’ora precedente. Venerdì scorso, ultimo giorno di Fiat Spa alla Borsa di Milano, il titolo ha chiuso a quota 6,94 Euro terminando un’era durata 111 anni.

8/10
ID 93824atk
pag 18008
+

Marchionne in sella a FCA fino al 2018

New York, 8 - Sergio Marchionne rimarrà Amministratore Delegato di Fiat Chrysler Automobiles fino a tutto il 2018 quando sarà completato il piano industriale quinquennale. “Poi farò altro”, ha aggiunto nell’intervista rilasciata a Businessweek e ripresa da Bloomberg. “Non cambierò idea, sono fatto così e poi è giusto che vadano avanti i giovani”. Bloomberg ha stilato una lista dei possibili candidati alla successione. Ci sono anche John Elkann e Alfredo Altavilla.

7/10
ID 93797Atk
pag 18004

FCA: fusione avrà effetto il 12, ultima quotazione venerdì 10

Torino, 7 - Conto alla rovescia per l’avvio ufficiale della neonata Fiat Chrysler Automobiles e per la quotazione a Wall Street che si concretizzerà lunedì 13 ottobre. Fiat Spa ha comunicato in una nota che si sono verificate tutte le condizioni sospensive alla fusione di Fiat in Fiat Investments N.V. (che prenderà appunto il nome di FCA) previste dal progetto di integrazione approvato dall’assemblea degli azionisti di Fiat lo scorso 1° agosto. Il termine previsto dalla legge italiana per l’opposizione dei creditori è scaduto il 4 ottobre e non sono pervenute ulteriori resistenze. Questa (venerdì 10 il termine) è dunque l’ultima settimana di quotazione delle azioni ordinarie Fiat su MTA, Euronext France e Deutsche Börse.

2/10
ID Atk4746
pag 17992
+

Marchionne: la 500X è sempre una 500, ma più spaziosa e versatile

Parigi, 2 - Sergio Marchionne a tutto campo nel suo intervento al Salone parigino. L’Amministratore Delegato di Fiat Chrysler Automobiles ha sottolineato in particolare il costante successo di FCA in Nord America dove a settembre ha fatto meglio addirittura di Toyota. “Un risultato impensabile fino a qualche tempo fa e un motivo di orgoglio per noi dopo cinque anni e mezzo di duro lavoro”. Il manager italo-canadese si è ovviamente soffermato anche sulla Fiat 500X che è stata esposta in anteprima mondiale. Alla domanda su come sarà differenziato il posizionamento di Renegade e 500X (entrambe prodotte a Melfi, Renegade anche in Cina dal 2016), Marchionne ha risposto che “La Jeep è una Jeep, la 500X è una 500 in versione City Utility Vehicle, quindi più grande, spaziosa e versatile, ma pur sempre una 500. Sono prodotti completamente diversi”. L’A.D. ha poi evidenziato gli ultimi risultati italiani, definiti soddisfacenti ma ben lontani dai desiderata. Per quanto riguarda l’Europa, Marchionne non è ottimista come altri manager che prevedono una crescita del 3-4% nel 2015 (“Al momento non vediamo questa prospettiva, aspettiamo la fine del trimestre”). Un cenno infine sul car sharing. “Gestito dalle Case può essere un business, ma i tempi sono incerti. Succederà, ma non impatterà sulla nostra vita nei prossimi 5-10 anni”.

30/9
ID 93710Atk
pag 17987

Chrysler aumenta produzione dei Ram pick-up a gasolio

Detroit, 30 - Il Gruppo Chrysler conta di soddisfare la crescente domanda della gamma aumentando la produzione dei Ram pick-up equipaggiati con motori diesel. Così facendo, il Ram 1500 EcoDiesel inciderà per il 20% sul totale vendite della famiglia Ram, praticamente il doppio rispetto all’andamento attuale. Chrysler è soddisfatta del successo Ram anche perché la versione 1500 EcoDiesel ha un tasso di conquista di nuovi clienti negli States davvero eccellente, il 60%. Secondo le ultime stime degli analisti, lo stabilimento di Warren, Michigan, ospiterà quest’anno l’assemblaggio di circa 335 mila Ram (+17%), 70 mila dei quali a gasolio.

29/9
ID 93697Atk
pag 17980
+

Chrysler chiuderà sito MPV in Ontario per 12 settimane

Auburn Hills, 29 - In occasione della visita del nostro Premier Matteo Renzi al quartier generale Chrysler di Auburn Hills, l’Amministratore Delegato Sergio Marchionne ha annunciato che nel corso del primo semestre 2015 il Gruppo USA chiuderà per 12 settimane la fabbrica canadese di Windsor, Ontario, culla dei monovolume. Provvedimento necessario per adeguare lo stabilimento alla produzione della nuova generazione di un minivan. Attualmente, il Gruppo Chrysler distribuisce in Nord America gli MPV Town & Country targato Chrysler e Grand Caravan targato Dodge. Quest’ultimo sarà cancellato dalla gamma, ancora non chiaro se la novità di prodotto manterrà la denominazione Town & Country. Marchionne, dopo aver confermato che la quotazione a Wall Street di Fiat/Chrysler si concretizzerà il 13 ottobre (in coincidenza con le celebrazioni del Columbus Day), ha posto una sorta di ultimatum al Governo regionale dell’Ontario riguardo i possibili incentivi per consolidare l’impianto in Ontario.

29/9
ID 93698Atk
pag 17980

Renzi: “Fiat/Chrysler è il Made in Italy che ci piace”

Auburn Hills, 29 - “Fiat/Chrysler è il Made in Italy che ci piace, quello che appoggiamo e vogliamo difendere”. Così il Premier Matteo Renzi durante la visita guidata con Marchionne al quartier generale Chrysler di Auburn Hills. “Cosa mi accomuna con Marchionne? Spero il finale”, ha aggiunto Renzi riferendosi al successo di Fiat e Chrysler, due aziende date per “bollite” quattro anni fa.

26/9
ID 93693Atk
pag 17976

Intesa FCA-Intesa Sanpaolo per agevolare il noleggio

Torino, 26 - Fiat-Chrysler e Intesa Sanpaolo hanno siglato un’intesa che prevede una collaborazione commerciale per offrire ai clienti delle banche del Gruppo Intesa Sanpaolo importanti vantaggi per il noleggio a lungo termine. Ci saranno anche agevolazioni per l’acquisto di auto e veicoli commerciali e per i servizi post-vendita. L’accordo troverà la sua massima espressione nel corso dell’Expo di Milano del 2015.

26/9
ID 93674Atk
pag 17978
+

Chrysler incrementerà produzione del Ram pick-up a Warren

Auburn Hills, 26 - Sono 52 mesi consecutivi che le vendite USA del Ram pick-up registrano un andamento al rialzo. Il Gruppo Chrysler ha quindi deciso di incrementarne la produzione nello storico impianto di Warren, Michigan, che dal 1938 ha assemblato oltre 13 milioni di truck e che oggi impiega circa 3.800 addetti. I ritmi cresceranno di 100 esemplari al giorno, equivalenti a più di 28.500 unità nell’anno. La fabbrica ha beneficiato già dallo scorso anno di alcuni interventi strutturali con l’introduzione di nuovi processi produttivi.

19/9
ID 93577Atk
pag 17958

Sede FCA collocata nel West End londinese

Londra, 19 - Il nuovo quartier generale di Fiat Chrysler Automobiles sorgerà come noto a Londra. Secondo Bloomberg, la sede sarà operativa nel West End della capitale inglese, uno dei distretti economici più attivi al mondo, e in particolare occuperà tre piani dell’edificio di St. James’s Street dove si trova anche la sede dell’Economist. Il centro FCA sarà a pochi minuti a piedi da Buckingham Palace.

8/9
ID 93408Atk
pag 17920

V6 3.0 prodotto in sito Chrysler con supervisione di ingegneri Ferrari

Detroit, 8 - Come rivelato da Automotive News, durante l’estate i dipendenti dello stabilimento del Gruppo Chrysler di Trenton, Michigan, hanno iniziato ad assemblare senza clamori il motore in alluminio V6 di 3 litri sotto la supervisione di ingegneri della Ferrari. I componenti sono poi arrivati a Maranello per l’installazione finale per l’equipaggiamento delle Maserati Quattroporte e Ghibli. I ritmi di assemblaggio a Trenton sono al momento di 50 motori al giorno, destinati a crescere presto ad un’ottantina. Un’operazione che esalta le sinergie all’interno della neonata Fiat Chrysler Automobiles

4/9
ID 93348Atk
pag 17914

Ok a FCA: valore recesso sotto i 500 milioni di Euro

Torino, 4 - Il controvalore complessivo dei diritti di recesso esercitato dagli azionisti Fiat ammonta a 463,6 milioni di Euro. Siamo quindi sotto il limite massimo dei 500 milioni e la fusione del Lingotto con Chrysler ha ora il via libera definitivo, sarà completata entro metà ottobre.

2/9
ID 93308Atk
pag 17904

Fiat/Chrysler: il diritto di recesso non supererà i 500 milioni

Torino, 2 - Il processo delle comunicazioni e delle relative certificazioni sarà completato entro giovedì, ma Fiat Spa ha già annunciato che l’ammontare da corrispondere agli azionisti che hanno esercitato il diritto di recesso e ai creditori in opposizione non supererà i 500 milioni di Euro consentendo dunque il via libera definitivo alla fusione con Chrysler, approvata dall’assemblea straordinaria dello scorso 1° agosto. Soddisfatti sia il Presidente John Elkann sia l’Amministratore Delegato Sergio Marchionne. Nel frattempo, quest’ultimo ha anticipato in questi giorni il desiderio di far debuttare Fiat Chrysler Automobiles a Wall Street il 13 ottobre.

Mostra altre 25.