Filtra le news
Foto
Tabella
Autolink News
lunedì 28/7
ID 93118Atk
pag 17875

F1: Ricciardo doma Alonso in un finale thrilling

Budapest, 28 - Daniel Ricciardo si è imposto nel GP d’Ungheria, uno dei più divertenti ed appassionanti della stagione, grazie anche alla pista bagnata nella fase iniziale della corsa. Per il bravo pilota australiano della Red Bull si tratta del secondo trionfo dell’anno e della carriera. La gara è stata combattuta sia in testa che nelle zone centrali del gruppo e ha vissuto i momenti più palpitanti nel finale quando Ricciardo è andato all’inseguimento di Hamilton che a sua volta stava braccando il leader Alonso, al volante di una Ferrari competitiva e alla quale stava quasi riuscendo il “colpaccio” della strategia a due soste. Ma gli pneumatici si sono degradati troppo impedendo all’asturiano di resistere al ritorno di uno scatenato Ricciardo che aveva appena operato uno splendido sorpasso ai danni di un ottimo Hamilton, sul terzo gradino del podio dopo essere partito dai box, e capace di precedere un furioso Rosberg con annesse polemiche in casa Mercedes.

24/7
ID Atk4701
pag 17867

F1: Ungheria, circuito di sorprese?

Budapest, 24 - Ad una sola settimana dal trionfo di Nico Rosberg e della sua Mercedes nel GP di Germania, il circus della F1 è già sbarcato a Budapest dove domenica si correrà l’undicesimo appuntamento del Mondiale sull’atipico circuito dell’Hungaroring. Proprio l’atipicità del tracciato potrebbe favorire un risultato sorprendente, cioè la vittoria di una monoposto che non sia la Mercedes. Ma le Frecce d’Argento sembrano davvero inavvicinabili e il vero interesse è racchiuso nella lotta in famiglia per il titolo tra il capoclassifica Rosberg e Lewis Hamilton.

21/7
ID 93009Atk
pag 17855

F1: Rosberg cala il poker e allunga su Hamilton

Hockenheim, 21 - Nico Rosberg festeggia il rinnovo del contratto con la Mercedes cogliendo la quarta vittoria dell’anno sul circuito di casa. Il tedesco è stato certamente favorito dal problema avuto nelle qualifiche dal compagno di squadra Hamilton (il britannico è partito praticamente dal fondo dello schieramento), ma la sua gara è stata davvero impeccabile e il suo vantaggio in classifica generale è salito a 14 punti. Dati i giusti meriti a Rosberg, il vero trionfatore del GP di Hockenheim è da considerare il finlandese Valtteri Bottas, secondo e sul podio per la terza volta consecutiva. Grazie ai suoi punti, la Williams (Massa ancora sfortunato) ha scavalcato la Ferrari nella classifica costruttori. E a proposito di Ferrari, solo un grande Alonso la sta tenendo a galla. Lo spagnolo ha battagliato con le Red Bull, in particolare con Ricciardo, e ha chiuso quinto in mezzo alle due Red Bull. Deludente Raikkonen, fuori dalla zona punti.

17/7
ID Atk4687
pag 17847

F1: Mercedes in casa, chi può batterla?

Hockenheim, 17 - Il Mondiale di F1 sbarca sul circuito tedesco di Hockenheim per il decimo appuntamento stagionale. Si supererà così il giro di boa di un campionato letteralmente dominato dalla Mercedes e dai suoi due alfieri, il capoclassifica Nico Rosberg e l’inseguitore Lewis Hamilton (staccato di soli quattro punti dopo il trionfo a Silverstone e il ritiro del compagno di squadra). Domenica, tra l’altro, le Frecce d’Argento correranno di fronte al pubblico di casa e non si vede all’orizzonte chi possa impensierirle. Ci proveranno Red Bull, Williams e Ferrari.

7/7
ID 92777Atk
pag 17815

F1: Hamilton esalta il pubblico inglese, Rosberg out

Silverstone, 7 - Lewis Hamilton ha esaltato il competente ed appassionato pubblico inglese dominando il GP della Gran Bretagna e portandosi a soli quattro punti dal vertice della classifica, occupato dal compagno in Mercedes, Nico Rosberg, costretto al ritiro per noie al cambio quando era in testa, ma già braccato da Hamilton. La gara è stata subito interrotta al primo giro a causa di un pauroso incidente occorso alla Ferrari di Raikkonen. Il finlandese è uscito dalla monoposto zoppicante, ma le visite mediche hanno riscontrato solo qualche problema ad una caviglia. Sarà regolarmente al via tra due settimane a Hockenheim. Alle spalle di Hamilton, si sono fatti largo Bottas su Williams e Ricciardo su Red Bull che hanno preceduto la McLaren di Button. Molto bella la sfida tra Vettel e Alonso per la quinta posizione. L’asturiano si è difeso come ha potuto, ma alla fine il 4 volte iridato ha compiuto il sorpasso decisivo.

3/7
ID Atk4671
pag 17806

F1: Mercedes da battere anche a Silverstone

Silverstone, 3 - Il circus iridato sbarca a Silverstone per il Gran Premio della Gran Bretagna, nono appuntamento stagionale. Il campionato è praticamente arrivato al giro di boa e anche sul leggendario tracciato inglese saranno favorite le Mercedes di Nico Rosberg (leader del Mondiale) e Lewis Hamilton. Quest’ultimo sta però tradendo un certo nervosismo per non riuscire a dare la svolta decisiva alla stagione (leggi distanziare il compagno di squadra). Proveranno a dare battaglia le Ferrari (necessaria una sterzata), le Red Bull e forse anche le Williams.

23/6
ID 92496Atk
pag 17775

F1: doppietta Mercedes, Rosberg allunga

Spielberg, 23 - Dopo l’inaspettata vittoria della Red Bull di Ricciardo in Canada, la Mercedes è tornata a dominare realizzando una nuova doppietta nel GP d’Austria, ottavo appuntamento stagionale della F1. La gara è stata inizialmente caratterizzata dalle ottime e sorprendenti performance della Williams con Massa scattato bene dalla pole e Bottas a battagliare con Rosberg. Dopo il primo pit stop, che la Williams ha colpevolmente ritardato, Rosberg è passato al comando, ben presto inseguito dal compagno in Mercedes, Hamilton che nel finale ha fatto di tutto per arrivare a tiro di Rosberg, senza riuscirci. Il quarto trionfo dell’anno permette al figlio del grande Keke di allungare in classifica generale proprio su un deluso Hamilton. Comunque positivo, alla fine, il GP della Williams che ha piazzato Bottas sul terzo gradino del podio e Massa quarto davanti alla Ferrari di Alonso, bravo, ma impossibilitato a fare di più. Raikkonen 10°.

19/6
ID Atk4650
pag 17767

F1: il circus iridato torna in Austria

Spielberg, 19 - A distanza di 11 anni dall’ultimo Gran Premio (svoltosi sul vecchio tracciato di Zeltweg), la Formula 1 torna in Austria per l’ottavo appuntamento stagionale che si correrà sul nuovo circuito di Spielberg di proprietà del magnate che controlla la Red Bull. E proprio la Red Bull, galvanizzata dal trionfo di Ricciardo in Canada e affidandosi anche al 4 volte iridato Vettel, tenterà di porre un freno al dominio della Mercedes che rimane comunque favorita con Rosberg che guida la classifica davanti a Hamilton. Speranze di riscossa per la Ferrari.

9/6
ID 92371Atk
pag 17735

F1: Ricciardo riporta al trionfo la Red Bull

Montreal, 9 - Ci sono volute tutta la grinta e l’abilità dell’emergente Daniel Ricciardo per interrompere il dominio della Mercedes e per riportare al trionfo la Red Bull. L’australiano si è imposto nel GP del Canada, 7° appuntamento stagionale di F1, conquistando il primo successo di una carriera che si preannuncia interessante. È però giusto ricordare che la vittoria di Ricciardo si deve anche alle improvvise difficoltà in gara delle Mercedes. Hamilton è stato costretto al ritiro per una noia al kers, stesso problema accusato da Rosberg che ha però potuto proseguire la corsa fino al termine, superato nel finale solo da uno scatenato Ricciardo che ha ricevuto le congratulazioni del compagno di squadra Vettel, terzo. Rinasce la McLaren di Button, quarta davanti alla Force India di Hülkenberg e alla Ferrari di Alonso che peraltro avrebbe chiuso all’ottavo posto senza il pericoloso incidente in zona cesarini tra i comunque bravi Massa e Perez.

5/6
ID Atk4621
pag 17726

F1: sfida Mercedes nel GP del Canada

Montreal, 5 - In attesa della lunga parentesi europea che si chiuderà a settembre con il GP di Monza, la Formula 1 si concede la tradizionale trasferta in Canada dove si disputerà domenica la settima gara stagionale sul tracciato tortuoso di Montreal (partenza alle 20 ora italiana). Inutile ricordare chi sono i favoriti della vigilia: i due alfieri della Mercedes, Lewis Hamilton e Nico Rosberg, che hanno monopolizzato il gradino più alto del podio nei primi sei appuntamenti (4 successi per Hamilton, 2 per Rosberg). Si attendono segnali di risveglio dalla Ferrari.

26/5
ID 92171Atk
pag 17699

F1: Mercedes doppietta record, trionfa Rosberg

Montecarlo, 26 - La Mercedes ha centrato la quinta doppietta consecutiva, eguagliando il record della Ferrari che fece altrettanto nel 1952 e nel 2002. Nemmeno le stradine del Principato hanno penalizzato la forza della Stella che ha do­minato la gara con un Nico Rosberg tornato a far sentire la sua voce dopo il lungo periodo di vittorie del compagno di squadra Lewis Hamilton. Grazie al successo a Montecarlo, Rosberg ha tra l’altro riconquistato la vetta nella classifica iridata. Alle spalle delle Mercedes si è fatto largo ancora una vota l’alfiere della Red Bull, Ricciardo, che ha chiuso sul terzo gradino del podio precedendo un buon Alonso su una di­screta Ferrari che lascia Monaco almeno con  la gioia del giro veloce realizzato da Raikkonen, autore di una bella rimonta prima di un attacco esagerato a Magnussen. Ancora molto bene la Force India con Hülkenberg quinto, torna protagonista la McLaren grazie a Button.

22/5
ID Atk4601
pag 17691

F1: la lotteria di Montecarlo

Montecarlo, 22 - Torna l’appuntamento glamour con il Principato di Monaco per una F1 arrivata alla sesta gara stagionale. Come sempre a Montecarlo, prove libere oggi, giornata di riposo domani e gran finale con la battaglia per la pole sabato e il GP domenica. Solitamente una lotteria, il tracciato cittadino monegasco potrebbe sancire definitivamente il dominio della Mercedes che al momento ha conquistato tutte e 5 le gare svoltesi. Prova importante soprattutto per Rosberg, più volte battuto da Hamilton. La Ferrari spera nel podio, la Red Bull in qualcosa di più.

12/5
ID 91943Atk
pag 17659

F1: Hamilton cala il poker, Ferrari lontanissime

Barcellona, 12 - Anche nel GP di Spagna, quinto appuntamento stagionale, la F1 ha recitato il solito copione: Mercedes in fuga, le altre a giocarsi il terzo gradino del podio. Lewis Hamilton ha calato il poker dominando la gara e resistendo nel finale, senza grossi problemi, al ritorno del compagno di squadra Nico Rosberg, ora superato in classifica generale dal pilota britannico. Un’ennesima doppietta a testimoniare la netta superiorità delle monoposto della Stella. Le migliori delle “altre” sono state le Red Bull con l’ormai affermato Ricciardo terzo e con il quattro volte iridato Vettel tornato in ottima forma e autore di grandi sorpassi che lo hanno portato dall’ottava fila iniziale ad un’eccellente quarta posizione finale. Male le Ferrari. Nemmeno la spinta del pubblico amico ha aiutato Alonso che ha chiuso sesto dopo aver superato il compagno Raikkonen. Le rosse sono state precedute anche dalla Williams di Bottas.

8/5
ID Atk4572
pag 17651

F1: Mercedes favorita anche a Barcellona

Barcellona, 8 - Il circus della F1 scende in pista al Montmeló, nei pressi di Barcellona, per il quinto GP stagionale. Mercedes favorite d’obbligo, in particolare Lewis Hamilton, già trionfatore in tre delle quattro gare disputate, sebbene il pilota britannico debba inseguire il compagno di squadra Nico Rosberg in classifica generale (da recuperare solo 4 punti). Ad interrompere il dominio della Casa della Stella potrebbe essere la Red Bull che sembra aver ritrovato competitività (con Ricciardo meglio di Vettel fino ad ora), ma anche la Ferrari punterà al successo.

22/4
ID 91699Atk
pag 17615

F1: dominio di Hamilton, Alonso torna sul podio

Shanghai, 22 - Lewis Hamilton ha calato il tris e Mercedes il poker nel GP della Cina. Imbarazzante, per gli altri, il dominio del pilota britannico e della Casa tedesca che ha centrato un’altra doppietta grazie ad un Nico Rosberg per il quale il secondo posto è stata una delusione (troppo il divario dal compagno di squadra), ma comunque sufficiente a mantenerlo in testa alla classifica generale. Hamilton è scattato dalla pole position e ha sempre guidato la corsa con la tradizionale maestria e con una saggia gestione delle gomme. Positivo e fortunato l’inizio dell’era Mattiacci in Ferrari con il primo podio stagionale grazie ad uno strepitoso Fernando Alonso (Raikkonen deve ancora trovare il feeling giusto con la sua monoposto) che nel finale ha resistito alla grande al ritorno di Ricciardo, clamorosamente più veloce del quattro volte campione del mondo Vettel, quinto davanti a Hülkenberg al volante di una sempre più sorprendente Force India.

17/4
ID Atk4544
pag 17607

F1: al via l’era Ferrari di Marco Mattiacci

Shanghai, 17 - Il Gran Premio della Cina segnerà una svolta in casa Ferrari dopo le dimissioni del team principal Stefano Domenicali e l’approdo nel circus della F1 di Marco Mattiacci, voluto espressamente dal Presidente Luca di Montezemolo. Il manager che negli ultimi anni ha guidato Ferrari North America è chiamato ad un compito difficile, più probabilmente già orientato alla prossima stagione stante le difficoltà attuali della Casa di Maranello. Sulla pista di Shanghai, la Mercedes cercherà di calare il poker, Red Bull e (speriamo) Ferrari permettendo.

14/4
ID 91610Atk
pag 17594

F1: Stefano Domenicali si è dimesso

Maranello, 14 - Stefano Domenicali ha deciso di rassegnare le dimissioni da Direttore della Gestione Sportiva della Ferrari F1. In una nota ufficiale, Domenicali si assume tutta la responsabilità di questo difficile inizio di stagione per la Casa di Maranello sperando in questo modo di dare una scossa all’ambiente. Ha ringraziato anche il Presidente Luca di Montezemolo il quale ha a sua volta espresso parole di ringraziamento per l’attività svolta da Domenicali ribadendo il suo affetto e la sua stima per il manager. La Ferrari comunica che il nuovo responsabile della Gestione Sportiva è Marco Mattiacci, attuale Presidente e A.D. di Ferrari North America.

7/4
ID 91489Atk
pag 17575

F1: Hamilton doma Rosberg, doppietta Mercedes

Sakhir, 7 - Due Gran Premi in uno quelli visti in Bahrain, terzo appuntamento stagionale della F1. Uno ha visto per protagoniste le due Mercedes di Hamilton e Rosberg che hanno dato vita ad un bel duello, favorito anche dall’ingresso della safety car. Alla fine l’ha spuntata con merito il pilota britannico, ma onore anche al tedesco figlio del grande Keke. Il dominio della Casa della Stella è stato imbarazzante per gli altri che hanno dovuto accontentarsi di un altro GP alle loro spalle, ben staccati. E in questo caso, molto bravi sono stati Perez su Force India (terzo gradino del podio), Ricciardo su Red Bull (quarto e meglio di Vettel, sesto) e Hülkenberg sull’altra Force India (quinto). Capitolo amaro quello dedicato alla Ferrari, tra l’altro alla presenza di Luca di Montezemolo. Le rosse non vanno e Alonso e Raikkonen non sono andati oltre i deludenti 9° e 10° posto. Urge un immediato cambio di rotta, altrimenti addio lotta per il titolo.

3/4
ID Atk4518
pag 17566

F1: Ferrari, se ci sei batti un colpo

Sakhir, 3 - Non c’è più tempo da perdere, anche se siamo soltanto al terzo Gran Premio della stagione 2014 di F1. La Ferrari deve battere un colpo per evitare che il campionato si trasformi in un monologo delle Mercedes di Lewis Hamilton e Nico Rosberg, fino ad oggi dominatrici con i trionfi del primo in Malesia e del secondo in Australia. Fernando Alonso non può accontentarsi di lottare per il podio, così come Kimi Raikkonen, per adesso sfortunato. Nella gara in Bahrain è attesa inoltre una conferma della fase di ripresa della Red Bull di Sebastian Vettel.

31/3
ID 91393Atk
pag 17554

F1: Hamilton insuperabile, doppietta Mercedes

Sepang, 31 - Inizio d’anno di dominio Mercedes nel Mondiale di F1. Dopo il trionfo in Australia di Rosberg (e una doppietta mancata solo per il ritiro di Hamilton) è stato proprio Hamilton a prendersi la scena in Malesia dove ha letteralmente sbaragliato la concorrenza partendo dalla seconda pole position stagionale. Il pilota britannico ha guidato da par suo distanziando nettamente il compagno di squadra Rosberg che ha comunque chiuso secondo regalando una doppietta alla Mercedes e allungando nella classifica generale. Sul terzo gradino del podio è salito il quattro volte iridato Vettel al volante di una Red Bull competitiva e pronta a sfidare più da vicino le monoposto della Stella già dai prossimi GP. Competitività che purtroppo non ha ancora trovato la Ferrari (perlomeno per una gara da podio) che ha visto Alonso 4° e Raikkonen subito fuori dai giochi che contano per un contatto al via. Ottimo il 5° posto della Force India di Hülkenberg.

27/3
ID Atk4502
pag 17547

F1: Mercedes ancora da battere in Malesia

Sepang, 27 - La Formula 1 torna in pista nel weekend a Sepang per il Gran Premio della Malesia, secondo appuntamento stagionale. Le indicazioni emerse dalla prima gara in Australia dovrebbero ripetersi nel caldo afoso di Sepang (con la pioggia sempre in agguato) e dunque la Mercedes avrà il ruolo di favorita. Nico Rosberg cercherà il bis, mentre Lewis Hamilton spera di riscattare la delusione australiana. Da capire se la Red Bull (che ha presentato ricorso contro la squalifica di Ricciardo, secondo in Australia) e la Ferrari saranno capaci di impensierirla.

17/3
ID 91166Atk
pag 17514

F1: domina la Mercedes di Rosberg, Ferrari dietro

Melbourne, 17 - Il ritorno dell’era dei motori turbo non ha certo fatto impazzire gli appassionati. Rumori ovattati, tanti problemi di elettronica sulle monoposto, gara sostanzialmente noiosa. Il GP d’Australia ha comunque trovato un grande protagonista, anzi due: Nico Rosberg e una Mercedes che è sembrata imbattibile (nonostante i guai che hanno costretto subito al ritiro Hamilton). Scattato dalla seconda fila, il figlio di Keke ha bruciato Hamilton e Ricciardo involandosi verso il quarto successo della sua ancor giovane carriera. Alle sue spalle (nel frattempo fuori gara anche Vettel) ha tenuto duro fino alla fine proprio Ricciardo, esaltato dalla folla australiana. Ma doccia fredda a qualche ora dalla fine della gara: squalifica per consumo eccessivo di carburante (la Red Bull farà appello). Sul podio sono così saliti i due alfieri della McLaren, Magnussen e Button. Dietro le Ferrari, con Alonso quarto e Raikkonen settimo.

13/3
ID Atk4473
pag 17507

F1: Mercedes favorita, Red Bull e Ferrari inseguono

Melbourne, 13 - Domenica alle 7 ora italiana scatterà dall’Australia la 65esima edizione del campionato del mondo di F1. Una stagione rivoluzionaria. Dopo otto anni di impiego sono andati in pensione i motori V8 di 2,4 litri per lasciare spazio all’unità V6 turbo di 1,6 litri per una potenza complessiva intorno ai 600 CV, circa 150 in meno rispetto allo scorso anno, anche se vanno aggiunti 164 CV prodotti dai sistemi per il recupero dell’energia. È stata inoltre abbandonata la dicitura Kers per passare all’Ers, acronimo di Energy Recovery System, che prevede due propulsori elettrici. Un’altra importante novità del regolamento 2014 è rappresentata dal “brake by wire”, dispositivo elettronico che lavora in parallelo al sistema Ers, facendo sì che l’attivazione della frenata sulle ruote posteriori avvenga in maniera elettronica e non più in modo idraulico. Detto che i rapporti della trasmissione salgono da sette ad otto, è stato introdotto il concetto della patente a punti che prevede fino alla squalifica per il Gran Premio successivo del pilota che avrà accumulato dodici punti di infrazioni. Nonostante le critiche, alla fine è passata la nuova regola che prevede per l’ultimo GP dell’anno l’assegnazione di un punteggio doppio rispetto al normale. Chi vincerà ne conquisterà dunque 50, al secondo ne andranno 36 e così via.
Ma veniamo allo schieramento di partenza e ai pronostici, non facili da avanzare in una stagione così rivoluzionaria. I test invernali hanno stabilito che la Red Bull sembra in difficoltà e che all’inizio non sarà facile per il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel tenere il passo dei migliori. Tra questi, sono state le Mercedes di Hamilton e Rosberg e la Williams di Massa a destare le impressioni più confortanti. La Ferrari deve tornare a lottare per il titolo e si affiderà ad una coppia di livello straordinario: Fernando Alonso e Kimi Raikkonen.

10/12/2013
ID 89980Atk
pag 17287

F1: 50 punti a chi vince l’ultimo GP dell’anno

Parigi, 10 - Lo Strategy Group della F1 e la Formula One Commission si sono riuniti a Parigi per tentare di dare sempre più interesse ad un Mondiale di F1 che quest’anno è stato dominato da Sebastian Vettel e dalla sua Red Bull. La novità più clamorosa coinvolgerà l’ultimo Gran Premio della stagione con punteggi raddoppiati sia per i piloti che per i costruttori. Chi trionferà nell’ultima gara dell’anno riceverà in dote 50 punti, 36 andranno al secondo e 30 al terzo. La riunione ha partorito anche i numeri fissi per i piloti che possono sceglierselo tra 2 e 99 e l’istituzione di un gruppo di lavoro che dovrà stilare le regole 2015.

25/11/2013
ID 89730Atk
pag 17243

F1: Vettel suggella un 2013 fantastico, 13 vittorie

San Paolo, 25 - Tredici vittorie su 19 Gran Premi disputati (record), nove consecutive (altro primato) e 39° in carriera. Sebastian Vettel ha suggellato in Brasile una stagione davvero fantastica, chiusasi con il suo quarto alloro iridato di seguito al termine di una gara che, come sempre nelle ultime uscite, ha visto il tedesco della Red Bull dominare praticamente dal primo giro. Alle sue spalle, onore a Mark Webber che lascia la Red Bull e la F1 con un bel secondo posto, farà spazio dal 2014 a Ricciardo. Un altro addio ha caratterizzato la corsa brasiliana, quella di Felipe Massa alla Ferrari. L’idolo di casa ha disputato una delle sue gare migliori dell’anno, ma un discutibile drive through lo ha costretto a terminare solo settimo. Meglio ha fatto il compagno di scuderia Fernando Alonso, sul terzo gradino del podio. I piazzamenti dei due ferraristi non sono però bastati per il secondo posto tra i costruttori andato alla Mercedes.

Mostra altre 25.