Filtra le news
Foto
Tabella
Autolink News
giovedì 17/4
ID Atk4544
pag 17607

F1: al via l’era Ferrari di Marco Mattiacci

Shanghai, 17 - Il Gran Premio della Cina segnerà una svolta in casa Ferrari dopo le dimissioni del team principal Stefano Domenicali e l’approdo nel circus della F1 di Marco Mattiacci, voluto espressamente dal Presidente Luca di Montezemolo. Il manager che negli ultimi anni ha guidato Ferrari North America è chiamato ad un compito difficile, più probabilmente già orientato alla prossima stagione stante le difficoltà attuali della Casa di Maranello. Sulla pista di Shanghai, la Mercedes cercherà di calare il poker, Red Bull e (speriamo) Ferrari permettendo.

lunedì 14/4
ID 91610Atk
pag 17594

F1: Stefano Domenicali si è dimesso

Maranello, 14 - Stefano Domenicali ha deciso di rassegnare le dimissioni da Direttore della Gestione Sportiva della Ferrari F1. In una nota ufficiale, Domenicali si assume tutta la responsabilità di questo difficile inizio di stagione per la Casa di Maranello sperando in questo modo di dare una scossa all’ambiente. Ha ringraziato anche il Presidente Luca di Montezemolo il quale ha a sua volta espresso parole di ringraziamento per l’attività svolta da Domenicali ribadendo il suo affetto e la sua stima per il manager. La Ferrari comunica che il nuovo responsabile della Gestione Sportiva è Marco Mattiacci, attuale Presidente e A.D. di Ferrari North America.

lunedì 7/4
ID 91489Atk
pag 17575

F1: Hamilton doma Rosberg, doppietta Mercedes

Sakhir, 7 - Due Gran Premi in uno quelli visti in Bahrain, terzo appuntamento stagionale della F1. Uno ha visto per protagoniste le due Mercedes di Hamilton e Rosberg che hanno dato vita ad un bel duello, favorito anche dall’ingresso della safety car. Alla fine l’ha spuntata con merito il pilota britannico, ma onore anche al tedesco figlio del grande Keke. Il dominio della Casa della Stella è stato imbarazzante per gli altri che hanno dovuto accontentarsi di un altro GP alle loro spalle, ben staccati. E in questo caso, molto bravi sono stati Perez su Force India (terzo gradino del podio), Ricciardo su Red Bull (quarto e meglio di Vettel, sesto) e Hülkenberg sull’altra Force India (quinto). Capitolo amaro quello dedicato alla Ferrari, tra l’altro alla presenza di Luca di Montezemolo. Le rosse non vanno e Alonso e Raikkonen non sono andati oltre i deludenti 9° e 10° posto. Urge un immediato cambio di rotta, altrimenti addio lotta per il titolo.

giovedì 3/4
ID Atk4518
pag 17566

F1: Ferrari, se ci sei batti un colpo

Sakhir, 3 - Non c’è più tempo da perdere, anche se siamo soltanto al terzo Gran Premio della stagione 2014 di F1. La Ferrari deve battere un colpo per evitare che il campionato si trasformi in un monologo delle Mercedes di Lewis Hamilton e Nico Rosberg, fino ad oggi dominatrici con i trionfi del primo in Malesia e del secondo in Australia. Fernando Alonso non può accontentarsi di lottare per il podio, così come Kimi Raikkonen, per adesso sfortunato. Nella gara in Bahrain è attesa inoltre una conferma della fase di ripresa della Red Bull di Sebastian Vettel.

31/3
ID 91393Atk
pag 17554

F1: Hamilton insuperabile, doppietta Mercedes

Sepang, 31 - Inizio d’anno di dominio Mercedes nel Mondiale di F1. Dopo il trionfo in Australia di Rosberg (e una doppietta mancata solo per il ritiro di Hamilton) è stato proprio Hamilton a prendersi la scena in Malesia dove ha letteralmente sbaragliato la concorrenza partendo dalla seconda pole position stagionale. Il pilota britannico ha guidato da par suo distanziando nettamente il compagno di squadra Rosberg che ha comunque chiuso secondo regalando una doppietta alla Mercedes e allungando nella classifica generale. Sul terzo gradino del podio è salito il quattro volte iridato Vettel al volante di una Red Bull competitiva e pronta a sfidare più da vicino le monoposto della Stella già dai prossimi GP. Competitività che purtroppo non ha ancora trovato la Ferrari (perlomeno per una gara da podio) che ha visto Alonso 4° e Raikkonen subito fuori dai giochi che contano per un contatto al via. Ottimo il 5° posto della Force India di Hülkenberg.

27/3
ID Atk4502
pag 17547

F1: Mercedes ancora da battere in Malesia

Sepang, 27 - La Formula 1 torna in pista nel weekend a Sepang per il Gran Premio della Malesia, secondo appuntamento stagionale. Le indicazioni emerse dalla prima gara in Australia dovrebbero ripetersi nel caldo afoso di Sepang (con la pioggia sempre in agguato) e dunque la Mercedes avrà il ruolo di favorita. Nico Rosberg cercherà il bis, mentre Lewis Hamilton spera di riscattare la delusione australiana. Da capire se la Red Bull (che ha presentato ricorso contro la squalifica di Ricciardo, secondo in Australia) e la Ferrari saranno capaci di impensierirla.

17/3
ID 91166Atk
pag 17514

F1: domina la Mercedes di Rosberg, Ferrari dietro

Melbourne, 17 - Il ritorno dell’era dei motori turbo non ha certo fatto impazzire gli appassionati. Rumori ovattati, tanti problemi di elettronica sulle monoposto, gara sostanzialmente noiosa. Il GP d’Australia ha comunque trovato un grande protagonista, anzi due: Nico Rosberg e una Mercedes che è sembrata imbattibile (nonostante i guai che hanno costretto subito al ritiro Hamilton). Scattato dalla seconda fila, il figlio di Keke ha bruciato Hamilton e Ricciardo involandosi verso il quarto successo della sua ancor giovane carriera. Alle sue spalle (nel frattempo fuori gara anche Vettel) ha tenuto duro fino alla fine proprio Ricciardo, esaltato dalla folla australiana. Ma doccia fredda a qualche ora dalla fine della gara: squalifica per consumo eccessivo di carburante (la Red Bull farà appello). Sul podio sono così saliti i due alfieri della McLaren, Magnussen e Button. Dietro le Ferrari, con Alonso quarto e Raikkonen settimo.

13/3
ID Atk4473
pag 17507

F1: Mercedes favorita, Red Bull e Ferrari inseguono

Melbourne, 13 - Domenica alle 7 ora italiana scatterà dall’Australia la 65esima edizione del campionato del mondo di F1. Una stagione rivoluzionaria. Dopo otto anni di impiego sono andati in pensione i motori V8 di 2,4 litri per lasciare spazio all’unità V6 turbo di 1,6 litri per una potenza complessiva intorno ai 600 CV, circa 150 in meno rispetto allo scorso anno, anche se vanno aggiunti 164 CV prodotti dai sistemi per il recupero dell’energia. È stata inoltre abbandonata la dicitura Kers per passare all’Ers, acronimo di Energy Recovery System, che prevede due propulsori elettrici. Un’altra importante novità del regolamento 2014 è rappresentata dal “brake by wire”, dispositivo elettronico che lavora in parallelo al sistema Ers, facendo sì che l’attivazione della frenata sulle ruote posteriori avvenga in maniera elettronica e non più in modo idraulico. Detto che i rapporti della trasmissione salgono da sette ad otto, è stato introdotto il concetto della patente a punti che prevede fino alla squalifica per il Gran Premio successivo del pilota che avrà accumulato dodici punti di infrazioni. Nonostante le critiche, alla fine è passata la nuova regola che prevede per l’ultimo GP dell’anno l’assegnazione di un punteggio doppio rispetto al normale. Chi vincerà ne conquisterà dunque 50, al secondo ne andranno 36 e così via.
Ma veniamo allo schieramento di partenza e ai pronostici, non facili da avanzare in una stagione così rivoluzionaria. I test invernali hanno stabilito che la Red Bull sembra in difficoltà e che all’inizio non sarà facile per il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel tenere il passo dei migliori. Tra questi, sono state le Mercedes di Hamilton e Rosberg e la Williams di Massa a destare le impressioni più confortanti. La Ferrari deve tornare a lottare per il titolo e si affiderà ad una coppia di livello straordinario: Fernando Alonso e Kimi Raikkonen.

10/12/2013
ID 89980Atk
pag 17287

F1: 50 punti a chi vince l’ultimo GP dell’anno

Parigi, 10 - Lo Strategy Group della F1 e la Formula One Commission si sono riuniti a Parigi per tentare di dare sempre più interesse ad un Mondiale di F1 che quest’anno è stato dominato da Sebastian Vettel e dalla sua Red Bull. La novità più clamorosa coinvolgerà l’ultimo Gran Premio della stagione con punteggi raddoppiati sia per i piloti che per i costruttori. Chi trionferà nell’ultima gara dell’anno riceverà in dote 50 punti, 36 andranno al secondo e 30 al terzo. La riunione ha partorito anche i numeri fissi per i piloti che possono sceglierselo tra 2 e 99 e l’istituzione di un gruppo di lavoro che dovrà stilare le regole 2015.

25/11/2013
ID 89730Atk
pag 17243

F1: Vettel suggella un 2013 fantastico, 13 vittorie

San Paolo, 25 - Tredici vittorie su 19 Gran Premi disputati (record), nove consecutive (altro primato) e 39° in carriera. Sebastian Vettel ha suggellato in Brasile una stagione davvero fantastica, chiusasi con il suo quarto alloro iridato di seguito al termine di una gara che, come sempre nelle ultime uscite, ha visto il tedesco della Red Bull dominare praticamente dal primo giro. Alle sue spalle, onore a Mark Webber che lascia la Red Bull e la F1 con un bel secondo posto, farà spazio dal 2014 a Ricciardo. Un altro addio ha caratterizzato la corsa brasiliana, quella di Felipe Massa alla Ferrari. L’idolo di casa ha disputato una delle sue gare migliori dell’anno, ma un discutibile drive through lo ha costretto a terminare solo settimo. Meglio ha fatto il compagno di scuderia Fernando Alonso, sul terzo gradino del podio. I piazzamenti dei due ferraristi non sono però bastati per il secondo posto tra i costruttori andato alla Mercedes.

21/11/2013
ID Atk4284
pag 17235

F1: l’addio di Massa a Ferrari in Brasile

San Paolo, 21 - La stagione 2013 di Formula 1 si chiuderà domenica sul circuito brasiliano di Interlagos con un Gran Premio che per la verità ha ben poco da dire. Due gli elementi importanti del weekend, entrambi legati alla Ferrari. Innanzitutto il Cavallino farà di tutto per soffiare alla Mercedes il secondo posto nella classifica costruttori (deve recuperare 15 punti, chanche teoriche anche per la Lotus). E a soddisfare l’obiettivo sarà chiamato anche Felipe Massa che proprio nel suo Brasile dà l’addio definitivo alla Ferrari, dal 2014 sarà in Williams.

18/11/2013
ID 89643Atk
pag 17223

F1: Vettel e Red Bull all’ottava perla consecutiva

Austin, 18 - Il quarto titolo iridato è nel cassetto da tempo, ma Sebastian Vettel non ne vuole sapere di alzare il piede dall’acceleratore e in Texas porta a casa l’ottavo successo stagionale, il 12° dell’anno e il 38° della carriera. Numeri da record che continuano ad essere aggiornati dal fuoriclasse della Red Bull che anche ad Austin ha fatto gara a sé dominando dal primo all’ultimo giro. Questa volta non ha rifilato distacchi abissali, anche perché ha dovuto gestire qualche problemino sulla sua monoposto, ma in ogni caso il pur bravo Romain Grosjean su Lotus non ha potuto fare altro che seguire il rivale a debita distanza rintuzzando gli attacchi finali dell’altra Red Bull di Webber. La sfida tra Mercedes e Ferrari per il secondo posto nella classifica costruttori ha segnato un piccolo vantaggio per la Stella grazie alla quarta piazza di Hamilton e alla nona di Rosberg, mentre il Cavallino è andato a punti soltanto con Alonso, quinto.

14/11/2013
ID Atk4279
pag 17215

F1: è già tempo di mercato piloti

Austin, 14 - La F1 sbarca in Texas per il penultimo appuntamento stagionale. Un GP al quale Alonso ha confermato la presenza nonostante i postumi dei dolori subiti ad Abu Dhabi. Lotterà per il 2° posto tra i piloti dietro il 4 volte iridato Vettel e per contribuire alla sfida Ferrari alla seconda piazza tra i costruttori dove è in lotta con Mercedes. Intanto, impazza il mercato piloti. Massa è passato alla Williams, McLaren ha ingaggiato Magnussen, mentre la Lotus (deludendo il nostro Valsecchi) ha scelto Kovalainen per rimpiazzare Raikkonen nelle ultime due gare.

4/11/2013
ID 89435Atk
pag 17183

F1: Vettel corre da solo, la Ferrari limita i danni

Yas Marina, 4 - Sebastian Vettel sta ormai correndo da solo, incurante anche dei consigli che gli arrivano dal box della Red Bull di non esagerare con il piede pesante. Il neo quattro volte campione del mondo si è imposto senza apparente fatica anche nel GP di Abu Dhabi conquistando la settima vittoria consecutiva, undicesima della stagione e 37esima della carriera. Il fuoriclasse tedesco si lancerà ora all’attacco dei record detenuti dal connazionale Michael Schumacher che nel 2004 colse nove successi consecutivi e tredici nella stagione. Scattato in seconda posizione dietro il poleman Webber, Vettel ha subito bruciato il compagno di squadra rifilandogli al traguardo un distacco pesante di oltre 30 secondi. Superato al via anche da Rosberg, Webber ha poi ripreso la seconda posizione ai danni dell’alfiere della Mercedes. La Ferrari ha limitato i danni nella sfida con Mercedes per il 2° posto tra i costruttori con Alonso 5° e Massa 8°.

31/10/2013
ID Atk4246
pag 17179

F1: Ferrari a caccia della Mercedes

Yas Marina, 31 - Non si è ancora spenta l’eco del quarto titolo iridato consecutivo conquistato da Sebastian Vettel e dalla sua Red Bull che la F1 è già sbarcata sul circuito Yas Marina di Abu Dhabi per un Gran Premio (il terzultimo dell’anno) che ha ancora molte cose da dire. Innanzitutto, è sempre prestigioso e soprattutto porta più soldi in azienda il secondo posto nella classifica costruttori. La Ferrari, reduce dalla delusione indiana, è stata superata dalla Mercedes, ma le distanze sono minime: solo 4 punti. E anche la Lotus può dire ancora la sua.

28/10/2013
ID 89335Atk
pag 17167

F1: Vettel nell’Olimpo, quarto alloro mondiale

New Delhi, 28 - Sebastian Vettel sfrutta il secondo match point, domina anche il Gran Premio dell’India, conquista la decima vittoria dell’anno (36esima in carriera), ma soprattutto entra definitivamente nell’Olimpo della F1 con il quarto titolo mondiale consecutivo. Quarto sigillo iridato anche per la Red Bull. Il fuoriclasse tedesco ha raggiunto Alain Prost e si lancerà ora all’inseguimento prima di Juan Manuel Fangio (5 titoli) e poi di Michael Schumacher (7). Vettel è scattato dalla pole, ha subito preso il comando, ha cambiato le gomme già al secondo giro e ha letteralmente surclassato la concorrenza con una splendida rimonta. Alle sue spalle, fuori gioco Alonso per un contatto alla prima tornata che lo ha costretto ad una corsa di retroguardia (ha chiuso mestamente 11°), si sono fatti largo le Lotus di Raikkonen e Grosjean con una tattica estrema che ha premiato il francese (terzo) e la Mercedes di Rosberg (piazza d’onore). Buon quarto Massa.

24/10/2013
ID Atk4231
pag 17158

F1: secondo match point per Vettel

New Delhi, 24 - Reduce da 5 vittorie consecutive, Sebastian Vettel è ad un passo dalla conquista del pokerissimo iridato di F1. Salvo sorprese clamorose, il tedesco della Red Bull dovrebbe sfruttare il secondo match point domenica in occasione del Gran Premio dell’India, la cui partenza è fissata per le 10:30 ora italiana. A Vettel sarà sufficiente arrivare quinto per laurearsi campione del mondo anche se dovesse imporsi Fernando Alonso che spera comunque, come tutta la Ferrari, di chiudere in modo dignitoso la stagione per rilanciare la sfida nel 2014.

14/10/2013
ID 89149Atk
pag 17127

F1: Vettel suona la nona sinfonia, titolo a un passo

Suzuka, 14 - Ancora scossi dalla tragica scomparsa della ex collaudatrice della Marussia, Maria de Villota, i piloti del circus hanno onorato la sua memoria con una bella gara sul circuito giapponese di Suzuka. Sebastian Vettel ha fallito il primo match point per la conquista del quarto titolo iridato consecutivo, ma non certo per colpa sua visto che il fuoriclasse della Red Bull ha colto il nono trionfo dell’anno, 35° in carriera. Partenza sprint della Lotus di Grosjean che superava entrambe le Red Bull con uno scatto bruciante. Vettel, a lungo terzo, ha poi operato l’attacco decisivo nella seconda parte della corsa superando grazie ai pit stop il compagno di squadra Webber (strategia di tre soste ai box) e più avanti anche Grosjean che ha poi chiuso terzo dietro anche Webber. Alonso, quarto, ha soltanto potuto rimandare la conquista dell’alloro mondiale di Vettel, alloro mondiale che dovrebbe materializzarsi tra due settimane in India.

10/10/2013
ID Atk4207
pag 17119

F1: in Giappone primo match ball per Vettel

Suzuka, 10 - Reduce da quattro vittorie consecutive, Sebastian Vettel è ormai ad un passo dalla conquista del suo quarto titolo iridato di F1 di seguito. L’impresa potrebbe riuscirgli già domenica a Suzuka in occasione del GP del Giappone, quintultimo appuntamento stagionale. Al tedesco della Red Bull sarà sufficiente (si fa per dire) avere oltre 100 punti di vantaggio sul ferrarista Alonso al termine della corsa. Questo significa che Vettel deve vincere e l’asturiano non andare a punti. E se non sarà in Giappone, basterà attendere la gara successiva in India.

7/10/2013
ID 89042Atk
pag 17107

F1: Vettel senza rivali anche in Corea, titolo vicino

Yeongam, 7 - Sebastian Vettel e la Red Bull sono ormai senza rivali. Il pilota tedesco si avvicina velocemente al suo quarto titolo mondiale di F1 dopo aver dominato anche il GP della Sud Corea conquistando l’ottava vittoria dell’anno e la 34esima di una carriera già leggendaria. Come di consueto nelle ultime gare, Vettel è scattato alla grande dalla pole position imponendo subito un ritmo difficilmente digeribile per gli avversari e non facendosi distrarre nemmeno dal doppio ingresso della safety car e da quello (clamoroso e a testimoniare l’inadeguatezza degli organizzatori coreani) di una Jeep entrata senza preavvisi. Tra gli avversari di Vettel, si sono distinti i due alfieri della Lotus, un sorprendente Grosjean e un eccellente Raikkonen che ha chiuso secondo davanti al compagno di squadra dopo essere partito dalla quinta fila. Ottimo quarto uno straordinario Hülkenberg su Sauber che ha preceduto i delusi Hamilton e Alonso.

3/10/2013
ID Atk4191
pag 17098

F1: previsti tifoni, GP di Corea a rischio

Seul, 3 - La Formula 1 sbarca in Corea del Sud per il 14° appuntamento stagionale. La gara dovrebbe disputarsi sul circuito di Jeongam. Usiamo il condizionale perché le ultime previsioni meteo parlano di tifoni probabili proprio nelle ore domenicali del Gran Premio (la partenza è fissata per le 8 ora italiana). In ogni caso, la corsa coreana dovrebbe consentire a Sebastian Vettel di compiere un altro passo fondamentale verso la conquista del suo quarto titolo iridato consecutivo. L’alfiere della Red Bull vanta infatti un vantaggio di 60 punti sul ferrarista Alonso.

23/9/2013
ID 88879Atk
pag 17067

F1: Vettel cala il tris a Singapore, titolo più vicino

Singapore, 23 - Terza vittoria consecutiva a Singapore, settima dell’anno e 33esima in carriera. Sebastian Vettel e la sua Red Bull continuano a dominare la stagione 2013 di F1 e il fuoriclasse tedesco si avvicina sempre di più al quarto titolo iridato consecutivo avendo ora un vantaggio in classifica generale di 60 punti su un irriducibile Fernando Alonso, autore di una prova maiuscola. Scattato dalla pole, Vettel ha subito impresso un ritmo infernale, insostenibile per gli avversari. Nemmeno l’ingresso della safety car ha scalfito le certezze del campione che ha chiuso con oltre 30 secondi di margine su un uno splendido Alonso. L’asturiano ha prima guadagnato quattro posizioni in partenza grazie ad uno scatto bruciante e ha poi sfruttato la perfetta strategia Ferrari per conquistare un comunque positivo secondo posto davanti al futuro compagno di squadra Kimi Raikkonen (Lotus) che a sua volta ha preceduto le Mercedes di Rosberg ed Hamilton.

19/9/2013
ID Atk4156
pag 17059

F1: Singapore ultima speranza Ferrari

Marina Bay, 19 - La notte di Singapore potrebbe risultare quasi decisiva nella corsa al titolo mondiale di F1. È vero che anche dopo la gara asiatica mancheranno altri 6 GP al termine della stagione, ma è altrettanto vero che con un nuovo trionfo (sarebbe il 7° dell’anno) Sebastian Vettel metterebbe una seria ipoteca sul poker iridato. Per la Ferrari e per Fernando Alonso, la trasferta a Singapore rappresenta una sorta di ultima spiaggia. L’asturiano deve recuperare 53 lunghezze al tedesco della Red Bull e anche Hamilton e Raikkonen tenteranno di riaprire i giochi.

12/9/2013
ID 88744Atk
pag 17039

F1: Ferrari ufficializza il ritorno di Raikkonen

Maranello, 12 - Con uno scarno comunicato di poche righe la Ferrari ha annunciato, come ampiamente previsto, il ritorno di Kimi Raikkonen a Maranello. Il pilota finlandese, ora alla Lotus, ha firmato un accordo biennale e sostituirà Felipe Massa che soltanto poche ore prima aveva anticipato il suo addio al Cavallino Rampante. Per le stagioni 2014 e 2015, dunque, la Ferrari punterà tutto sulla coppia esplosiva Alonso-Raikkonen con il chiaro obiettivo di riconquistare quel titolo iridato che sembra sfuggire anche nel 2013.

11/9/2013
ID 88742Atk
pag 17035

F1: Massa annuncia l’addio alla Ferrari, Raikkonen più vicino

Milano, 11 - Felipe Massa ha scelto un annuncio su twitter per confermare ufficialmente che l’anno prossimo non sarà più un pilota Ferrari nel Mondiale di F1. Il 32enne brasiliano era approdato a Maranello nel 2006 perdendo di un soffio il titolo nel 2008, beffato da Hamilton. Si fa sempre più vicino il ritorno in Ferrari di Kimi Raikkonen.

Mostra altre 25.